Sign up with your email address to be the first to know about new products, VIP offers, blog features & more.

Eco Fur and Teddy Bear

 

Eco fur and Teddy Bear. Se vi state chiedendo se sono dei nuovi nomi tratti dall’ animazione, la risposta in parte e si ! Dopo il modo dei cartoni con Winnie the Pooh , film-dove il peluche è di proprietà di Mr Bean , mascotte nella campagna presidenziale di Roosevelt, il celebre orsetto di pezza approda anche nel mondo della moda, che prende l’ispirazione dal suo tessuto, diventando senza dubbio il protagonista dell’inverno 2018.

teddy bear -taccoepuntablog

Ma che sappiamo del cappotto Teddy Bear ?

teaddy-bear-coat-cappotto-taccoepuntablog-ecofur and teddy bear

Si tratta di un capospalla dalle linee extra large che richiama i classici modelli di camel coat ma è realizzato in tessuti più pesanti e doppi come pelliccia o eco fur.

teaddy-bear-coat-cappotto-taccoepuntablog-ecofur and teddy bear

“Teddy bear” rappresenta  senza dubbio la variante più cool del 2018, da quando Max Mara ha lanciato il cappotto in un tessuto che ricorda quello di un orsacchiotto di Berryman, tutti sono impazziti. Le star ed influencer come Chiara Ferragni a Kim Kardashian e non dimentichiamo gli uomini come Francesco Facchinetti, non ne possono fare a meno e cosi il mercato della moda si adatta alla richiesta con modelli ecologici in tutte le variante e sfumature: cappotti, bomber e altri capospalla in tessuti morbidi e caldi.

chiara ferragni -eco fur rosa-taccoepuntablog
chiara ferragni -teddy bear-taccoepuntablog
kim kardashian -taccoepuntablog-ecofur and teddy bear
francescofacchinetti-taccoepuntablog-eco fur and teddy bear
come vestirsi con stile -taccoepuntablog

Il cappotto Teddy bear, soprattutto nella versione color cammello, ma anche in quella nera, è molto versatile, si sposa bene con outfit casual e da giorno ma anche con abiti da sera e tubini neri da cocktail. Già nelle scorse stagioni designer come Dolce&Gabbana e Prada avevano proposto versioni “orsacchiotto” di bomber e cappotti lunghi, ora il modello diventa un must che spopola in ogni dove. Le star hanno subito seguito, e contribuito a lanciare, il trend del cappotto “orsacchiotto”. Kim Kardashian lo indossa con tubino scuro, calze coprenti e tacchi alti, anche Rita Ora sceglie un completo total black con pantaloni oversize da abbinare al cappotto.Per un’occasione più elegante potete abbinarlo ad un outfit total black con abito nero lungo o giacca e pantaloni palazzo, ma anche con abiti cipria e nude per un effetto full color. Per un look da giorno accostate al cappotto “orsacchiotto” jeans skinny e una tolfa bag in cuoio o magari una salopette in denim o ancora maxi pant palazzo con maglioncino crop o maglione come la Ferragni. Attenzione però a scegliere il modello giusto per il vostro corpo, evitando di rendere troppo goffa la figura ingrossandola con una variante eccessivamente doppia.

eco fur and teddy bear-taccoepuntablog

Dopo il genio folle HIDI SLIMANE ex direttore di Saint Laurent che lascia tutti in estasi grazie al suo “cœur rouge” il mercato della moda cambia decisamente la sua traiettoria ,abbandonando il mondo delle pellice naturali anche se molto belle e costosissime e va in contro ad un mondo sempre bello che ha un’ importante occhio di riguardo all’ambiente.

coeur rouge -saint laurent -taccoepuntablog

Stella McCartney è stata una delle prime stiliste ad utilizzare le pellicce ecologiche nelle sue collezioni. Nel 2016 aderisce a questa campagna anche Giorgio Armani non usando più pelli naturali e presto è seguito da Yoox che bandisce tutti i prodotti in pelliccia dai suoi e-shop. Di recente, stop alle pellicce è stato dato anche da Gucci, Michael Kors e Jimmy Choo. Il mondo della moda nelle ultime stagioni da sempre più segnali di scelte orientate verso “fur free” grazie al fatto che le moderne tecnologie sono in grado di produrre tessuti caldi e morbidi quanto una pelliccia vera.

 

Tra le protagoniste  dell’inverno 2018 è anche la pelliccia furry a pelo lungo che ricorda un po’ troppo, ma divertente, il manto  di uno Yeti, è presente ormai da diverse stagioni, senza importare se è nera o a colori, corta o lunga, l’importante è che il pelo, rigorosamente sintetico, lungo e voluminoso in modo da creare un effetto quasi tridimensionale.

taccoepuntablog-pelliccia-eco-pelo-lungo
chiara ferragni -eco fur rosa-taccoepuntablog

Tra i colori usati per le pellicce un must  è il rosa, con tutte le sue sfumature, da quelle pastello che si avvicinano al glicine, a quelle più intense che virano verso il “bubble gum”.chiara ferragni -eco fur rosa-taccoepuntablog

chiara ferragni -eco fur rosa-taccoepuntablogtaccoepuntablog-eco fur

Moltissimi marchi low cost  come Asos propongono versioni ecologiche in rosa confetto che rende originale romantico il look invernale.

taccoepuntablog-pelliccia-rosa-ecologica-asos

 

Il cappotto maculato è sempre un must, un evergreen che non passa mai di moda. Quest’anno è super  trendy  il bomber in eco fur con stampa leopardata, un capo glamour, capace di impreziosire anche un semplice tubino nero.

pelliccia-finta-ecologica-maculata-leopardata-taccoepuntablog-eco fur and teddy bearanna dello russo-macolato-taccoepuntablog-ecofur and terry bear

Le proposte sono tante, importante è di trovare il  coraggio e  osare non dimenticando mai le regole del buon gusto e di adattare la moda al nostro corpo e non viceversa !

 

kiss, kiss with love Francy!
signature
share

No Comments Yet.

What do you think?

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Pin It on Pinterest

Share This

Share this post with your friends!