Sign up with your email address to be the first to know about new products, VIP offers, blog features & more.

La borsa di una donna

La borsa di una donna, legame profondo, femminilità, fondamentale accessorio all’interno di quale si trova l’essenza stessa di una donna, i suoi segreti, le sue passioni, le cose a cui non può rinunciare e che la rendono la persona che è. 

la-borsa-di-una-donna-taccoepuntablog

BORSA

Noi donne nutriamo una forte dipendenza verso questo accessorio, ci piacciono tutte: eleganti, sportive, etniche, alternative, sofisticate, boho chic, da giorno, da cerimonia, la lista è infinita.

Cambiare una borsa per me è come tagliare i capelli, un forte cambiamento non solo di stile ma di vita, rappresenta un distacco da una realtà che ci sta bene; proprio come per eroina di Tolstoj  

Anna Karenina, prima di buttarsi sotto il treno lancia sui binari la sua borsetta di velluto rosso. Una donna stanca della sua borsa è stanca della sua vita.

ANNA KARENINA

La borsa di una donna è la sua segreta fonte di potere. Là dentro ci sono tanti segreti oscuri e pericolosi di cui noi poveri maschietti non dovremo sapere nulla. Scegliere una borsa è come scegliere un abito, la abbiniamo in base a quello che indossiamo, in base al nostro carattere e alle nostre emozioni del momento.

Poi ci sono quelle acquistate per moda, per griffe, che sfoggiamo per farci ammirare agli occhi delle altre donne, ci sono borse che hanno fatto la storia, disegnate da grandi stilisti e borse da poco, ma tenute una vita. Ci sono borse che possiamo solo sognarcele, tanto che il prezzo è inavvicinabile, però si sa sognare è bello e fa bene all’animo.

Vi farò una mia classifica personale di borse da donna, da sognare ma anche accessibili :

La Jackie O di Gucci

Vi chiederete, perché LEI? Perché è la prima borsetta griffata che sono riuscita ad acquistare, amare, indossare da donna adulta e anche tramandare a mia figlia.

la-borsa-di-una-donna-taccoepuntablog

JACKIE O by GUCCI

Siamo negli anni Sessanta. Il mondo è affascinato da una impenetrabile figura femminile, Jacqueline Bouvier, moglie dell’amatissimo Presidente USA John Fitzgerald Kennedy. A lei tutti guardano quando, dopo l’uccisione del marito, nel 1968 si risposa con l’armatore greco Aristoteles Onassis, diventando per tutti Jacqueline Kennedy Onassis, o semplicemente, Jackie O. Da lì, inizia il mito. Gucci realizza per lei una borsa unica e forte, come lo è la grande Jackie. Nel 2009 nasce la New Jackie, una rivisitazione contemporanea della storica borsa. Più grande, con la tracolla, le nappine, le zip. Più attuale, ma lo stile rimane quello originario: comodo, sagace, bellissimo. A oggi vip come Kate Moss e Jessica Alba, amano indossarla. Nello store di Gucci è possibile acquistare il modello con la stampa classica GG per 1290€; mentre la versione base, più grande in pelle per 2390€.

LA MIA PUPETTA

La baguette di FENDI

la-borsa-di-una-donna-taccoepuntablog

BAGUETTE by FENDI

Una borsa totalmente all’italiana. In tempo fu declinata in più di mille versioni di colori e tessuti ma è rimasta una delle più famose al mondo. Ironica, frizzante, irresistibile, come solo una donna può essere ! Nasce in un periodo difficile per l marchio e proprio come la fenice dalle ceneri dona bellezza al mondo delle donne. Fu così che Silvia Venturini Fendi realizzò una pochette nominata “Baguette”, perché si indossa sotto al braccio, come fanno i francesi con il loro famoso filone di pane. In pochissimo tempo arriva il successo e la borsa diventa simbolo di immenso fascino. La mettono al braccio VIP del calibro di Carolina di Monaco, Sharon Stone, Madonna.

MILLE SFUMATURE DI BAGUETTE BY FENDI

La classica borsa a “tracolla” Chanel

LA 2.55 CHANEL VERSIONE ORIGINALE COCO CHANEL VS KARL LAGERFELD


E non poteva essere diversamente, visto che tutto parte da lei:

Stanca di portare le mie borse a mano e di perderle, ci aggiunsi una striscia e le misi a tracolla.
(Coco Chanel)

Ed è cosi che nasce la tracolla, proprio per lasciare le mani libere, perfetta in ogni occasione permettendoci di essere noi stesse senza ostacolarci in nessun modo. Un’altra icona di stile e classe; la 2.55, fa parte di quelle borse intramontabili a quale nome deriva dal mese e anno della sua realizzazione. Concepita per rispondere alle esigenze delle donne degli anni ’50, moderne, attive e dinamiche, questa borsa non è solo una it-bag, il prodotto più famoso di Chanel, il simbolo di eleganza e lusso per eccellenza. Questa borsa è anche icona di una donna libera di scegliere, parlare, esprimersi, muoversi. Una sorta di femminismo attornia la Chanel 2.55. Il suo desiderio primario non era quello di creare un oggetto di prestigio, ma semplicemente di liberare le donne dalla classica borsa a mano. Voleva una borsa pratica, capiente, da indossare in qualsiasi occasione. Ma questa funzionalità e bellezza che cercava la giovane stilista, era difficile da ottenere. Negli anni Novanta, Karl Lagerfeld prese le redini della maison e fece tornare in auge la borsa, apportandone delle piccole modifiche, come le eleganti doppie C sulla chiusura e la catenella intrecciata. I prezzi si aggirano tra i 4000 e i 5000€.

CHIARA FERRAGNI -CHANEL

Modello “Handbag“ Kelly di Hermes

TACCOEPUNTABLOG-LA BORSA DA DONNA

GRACE KELLY CON LA KELLY BAG e BIRKIN by HERMES

Nel 1935 i fratelli Hermès crearono una borsa da sella, da utilizzare durante le battute di caccia. Nel tempo, decisero di intervenire, rendendola una borsa da passeggio estremamente elegante. Negli anni ’50, questa borsa, dal formato decisamente grande e dall’inconfondibile chiusura a battente con “serratura”, è già uno dei successi della casa.
Grace Kelly, per nascondere la gravidanza della sua primogenita Carolina, si copriva la pancia con questa borsa a mano e nel 1956 Grace compare sulla rivista “Life” con al braccio la borsa che da quel momento si chiamerà “Kelly” e diventerà un oggetto di culto, anche se in realtà era un modello del 1932 chiamato “sac à courrois”, ispirato ad un sacco per la sella!
Oggi la Kelly esiste in 7 misure diverse: dalla mini mini Kelly alla Kelly 40, ma il formato “classico”, il più richiesto, è la Kelly 32. Tutte le versioni sono disponibili in vari tipi di pelle: dal vitello alla lucertola, dal coccodrillo allo struzzo, e in diverse varianti colore.

la-borsa-di-una-donna-taccoepuntablog

La BIRKIN di Hermes

la-borsa-di-una-donna-taccoepuntablog

BIRKIN by HERMES

Anche se, creata dallo stesso MAISON, ispirata sempre dai desideri di una grande donna, la BIRKIN è ben diversa.

la-borsa-di-una-donna-taccoepuntablog

JANE BIRKIN

Ero in albergo con il mio compagno di allora Jacques Doillon. Portavo il mio solito cestino di paglia e Jacques lo aveva schiacciato. “Dovrei cambiarlo” dico io. “Comprati una borsa” fa lui. “Borse come servono a me non esistono”. C’era un signore seduto di fianco a me. Si presenta: era Jean Louis Dumas Hermès. Gli ho spiegato come avrei voluto la borsa ideale. Un anno dopo era comparsa nei negozi. (Jane Birkin)

BIRKIN VS KELLY

Da un incontro fortuito, alla produzione di una borsa che ha fatto, fa e farà per moltissimi secoli ancora, la storia della moda.Una borsa che contempla un’attrice amata e odiata, trasgressiva e dolce, che canta insieme al suo compagno Serge Gainsbourg la scandalosa “Je t’aime… moi non plus”.Una donna come poche, specialmente in quell’epoca.La borsa a lei dedicata vale oggi tra i 5000 e i 50000 dollari.Mica male, Jane!

KATIE HOLMES

Borsa a “Bauletto“-LOUIS VUITTON

la-borsa-di-una-donna-taccoepuntablog

SPEEDY by louis vuitton


Il celebre monogramma di Louis Vuitton, col fiore stilizzato iscritto nel cerchio e nella forma a diamante ispirati al japonisme di fine ‘800, ha più di un secolo. Negli anni 60 il marchio Louis Vuitton era un segreto accessibile a pochi. E’ il 1960. Alain Delon incontra Luchino Visconti per il provino di un film. Dopo l’incontro Delon commenta con un’amica: “E’ proprio un aristocratico, non un regista qualsiasi. Pensa che aveva le sue iniziali stampate su tutto il bagaglio…”. Oggi nessun attore potrebbe peccare di tanta ingenuità confondendo le iniziali di Luchino Visconti con quelle di Louis Vuitton.
TACCOEPUNTABLOG-LA BORSA DA DONNA

VUITTON-JOLIE ,MIRANDA KERR,AUDREY HEPBURN

Questa è quella che si vede di più in giro. La stampa Vuitton è famosa in tutto il mondo e questo modello di borsa rappresenta la sua icona. A renderla celebre ci ha pensato la splendida Audrey Hepburn, che la indossava frequentemente. A oggi è possibile trovarla in diverse fantasie e materiali. Nello store è possibile trovare dalla più cara, la Speedy Amazon a 2600€, alla meno cara, la Nano Speedy per 650€. Grazie alla sua forma  “affusolata”, viene indossata anche con dei jeans e scarpe comode, rendendo il proprio look casual proprio come viene riproposta da Ricardo Tisci nel 2016.

La Marcello di CARTIER

la-borsa-di-una-donna-taccoepuntablog

LA MARCELLO by CARTIER


Eh si, care amiche una borsa dedicata ad un uomo, ma amata da moltissime donne! Ma non un uomo qualsiasi, l’orgoglio italiano Marcello Mastroianni. A lui che ci ha fatto sognare nella Dolce Vita, amato e odiato per essere un vero e proprio rubacuori chic, Cartier ha dedicato questa borsa dalla forma inconfondibile. Lanciata nel 2007, è diventata in poco tempo la collezione di punta della casa di moda. La Marcello è inconfondibile, con il suo stile originale e la doppia C sul davanti. Le prime star incantate da questo gioiello non potevano che essere italiane: Monica Bellucci, Valeria Solarino e Chiara Muti l’hanno indossata in molte occasioni, innalzando il prestigio di questa borsa.

TACCOEPUNTABLOG-LA BORSA DA DONNA

LA MARCELLO by CARTIER-MONICA BELLUCCI

LADY DIOR

la-borsa-di-una-donna-taccoepuntablog

LADY DIOR-.LADY DIANA


La borsa di una donna meravigliosa Lady Diana. Icona femminile di eleganza ma anche di semplicità, la principessa più famosa del mondo ha reso questa borsa immortale, in pochissimo tempo. Un cortometraggio presentato al Festival di Cannes dal titolo “The Lady Noire Affair” e una sua mostra a Pechino, hanno reso la Lady Dior acclamata come una vera e propria star in carne ed ossa. Oltre a Lady Diana, altre donne celebri hanno indossato la borsa: da Dita Von Tees a Jessica Parker fino ad Anne Hathaway e Penelope Cruz.

LADY DIOR-MONICA BELLUCCI

La borsa “shopper”

SHOPPER-VUITTON-ANGELINA -JOLIE

Questo modello generalmente è rettangolare, il suo materiale è in pelle o similpelle, viene trasportata in spalla. Adatta per chi lavora in ufficio oppure per chi parte per un week-end. Nasce nel 2007 con “Louis Vuitton” e subito diventa virale. Nel 2016 invece viene riproposta da “Prada” con modelli e tessuti molto interessanti.
Modello a ” secchiello “: pratica e comoda, trasportata in spalla o a mano. Il suo primo modello risale 1932 con “Louis Vuitton”, riproposta poi nel 2016 da “Ferragamo”.

 SOHO BY GUCCI

la-borsa-di-una-donna-taccoepuntablog

SOHO DISCO by Gucci

Amata da molte celebrità e fashion blogger, la linea Soho di Gucci è molto estesa, tra borse e zainetti, ma la versione Disco è più piccola, rotondeggiante e se vogliamo dirla tutta anche un po’ più economica, rispetto alle altre. La possiamo trovare nera, scarlatta, cipria e gesso alla modica cifra di 790€.

Lo ” Zainetto “

la-borsa-di-una-donna-taccoepuntablog

ZAINETTO

Nasce per le donne che non rinunciano allo stile mantenendo un look sportivo. Proposto da “Prada” nel 1980 e nel 2016 viene rilanciato da “Alberta Ferretti”.

TACCOEPUNTABLOG

ZAINETTO PRADA

Modello “Clutch e pochette“

ELSA SCHIAPARELLI


Questo tipo di borsa, non avendo manici, si porta a mano. Consigliata per serate formali. Lanciata da “Elsa Schiaparelli”, e riproposta da “Dior”.

Pochette de jour Lady Dior Dior

Modello “Minaudiere“

Veri e propri oggetti d’arte piuttosto che accessori pratici e funzionali, le minaudières sono piccoli scrigni ornamentali che completano un abito da sera o da cerimonia donando un’aura preziosa e sofisticata.
Una borsa molto elegante e piccola, forma ovale, consigliata per serate di gala o matrimoni, generalmente decorata con strass o pietrine. Le forma più privilegiata è a scatolina rettangolare in metallo, e spesso ricorda un portasigarette oversize di ispirazione vintage, oppure un’organica forma ovoidale rivestita in pelle di rettile o di strass e pietre preziose.

“Beach Bag“


Borsa per il mare, molto grande per contenere tutto l’occorrente necessario per la spiaggia. Disponibile nelle più svariate fantasie.

Che ne dite, si può sognare in grande ?

 

 

 

 

 

 

 

 

 

kiss, kiss with love Francy!
signature
share

No Comments Yet.

What do you think?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest

Share This

Share this post with your friends!